domenica 16 settembre 2012

Change




Finalmente, non vedevo l’ora. Non riuscivo più a starmene lì,  guardare le meraviglie degli altri, dover convincermi che solo così puoi fare, che non puoi fare altrimenti. Aspettare il week-end come non mai, vedere che in qualche modo ce l’hai fatta.


Riprendere la routine quotidiana, gli orari, le abitudini non è sempre facile. Purtroppo mi rendo sempre più conto di quanto questo spazio mi faccia staccare e vivere in un altro mondo, che ne ho bisogno più di qualsiasi altra cosa, che fa bene a me come persona.  Mi accorgo che se dopo qualche giorno non sforno un dolcetto, c’è qualcosa che non va, mi manca stare in cucina. Se non prendo la reflex in mano, scatto un po’ di foto, a qualsiasi cibo, mi invade una gran malinconia, che riesco a fermare solo con qualche click. E’ così frustrante dover imparare ad aspettare, soccombere quasi agli impegni,  adeguarsi. Mi sembra così strano. Ho sempre la sensazione che mi manchi qualcosa, che non sto facendo quello che realmente vorrei fare, che sono leggermente irrequieta. Poi mi rendo conto che pretendo troppo. Che probabilmente è solo questione di tempo, che pian piano andrà meglio, ne sono certa.

Se penso a quante cose sono cambiate, in questi giorni, mi sembra incredibile. E’ sufficiente sbirciare nell’archivio, vedere che qualche settimana fa sorseggiavi tè freddo alla menta e la testa era ancora libera, mentre ora, hai bisogno di cannella, tanta cannella, mele e di autunno. E la mente, purtroppo, nel giro di pochissimi giorni, si riempie di terrorismo psicologico, di appunti e libri, di quiz di patente. Senza che nemmeno te ne accorgessi, tutto è cambiato, e tu rimani lì, ancora confusa, senza capire. Queste sono state le sensazioni provate negli ultimi giorni. Sensazioni che conosco, perché è sempre stato così in questo periodo. Ma stavolta è stato diverso, lo stacco è stato più forte, faticoso da accettare, probabilmente ci sto ancora provando.
Poi però guardo fuori dalla finestra, esco e contemplo il cielo, così limpido. Penso che sto solo perdendo tempo, che sono stufa di questa negatività, che voglio godermi questo caldino autunnale, che queste giornate sono stupende, che i colori caldi della stagione stanno uscendo, che è bellissimo.

Prima dicevamo di mele e cannella, ecco. Queste ciambelline le avrete sicuramente viste da altre parti, e io, sarò solo una delle tante che le propone sul suo blog. E’ vero, non è bello vedere la stessa ricetta da ogni parte, può sembrare  anonimo, stufa dopo un po’. Io però posso dirvi che per prima cosa, me ne sono accorta troppo tardi perché i dolcetti erano già in forno quando le ho viste. Seconda cosa, ci sono quelle ricette che non importa se le vedi mille volte, perché sono così sublimi e perfette che solo a vederle ti torna il buon umore. E’ come con i Brownies di Trish, io li ho visti in tantissimi post, davvero, ma non ho mai pensato, oddio fanno tutte la stessa cosa. Vi avviso di già, prima o poi (io credo molto presto =P) li vedrete anche qui, perché è da molto che li voglio provare. Con questo però non sarà noioso e poco originale. Sarò l’ennesima blogger (mi posso definire tale?! =)) a proporli, ma non importa, saranno belli e buoni ugualmente.

Così è stato per queste mini ciambelle, che sì cari, sono pazzesche. Sono semplici ma speciali allo stesso tempo. Perché c’è la cannella che profuma in maniera commovente l’impasto (me lo sarei pappato tutto da crudo, ma ho cercato di contenermi=)), lo sciroppo d’acero regala un aroma così caramelloso e particolare, e le mele danno consistenza.  Morbide, umide, perfette.
La ricetta è di Donna Hay, una delle mie food writers preferite, il libro da cui è tratta Stagioni. Il mio preferito, in assoluto. Questo libro ha il potere di farti sentire bene; quando ne ho la necessità, sfoglio qualche pagina, contemplo le magnifiche fotografie, sogno di poter diventare così un giorno, e mi sento meglio. E’ terapeutico direi.

Mi scuso se come mio solito mi sono dilungata, ormai credo si sia capito, mi piace scrivere. In particolare adoro farlo qui, perché mi sento libera, mi sento me stessa. E poi, ho un sacco di cose da raccontarvi, venendo così poco, dovrò aggiornarvi e quindi preparatevi a lunghi poemi.

ps. le foto. Ecco, ho deciso di provare uno stile completamente diverso dal solito. Minimal, total  black, un qualcosa di davvero nuovo. Possiamo migliorare , (come sempre non mi entusiasmano molto), comunque accetto consigli e giudizi=)

A presto ,miei cari.




Ciambelline alle mele e sciroppo d’acero ricoperte di zucchero e cannella (Donna Hay)



Ingredienti:
tratta e modificata  dal libro Stagioni, Donna Hay

370 g si farina, setacciata
1 cucchiaino di cannella in polvere
250 g di burro, fuso
175 g di zucchero di canna grezzo
125 ml di sciroppo d’acero
4 uova
6 mele rosse, pelate e grattugiate
1 ½ cucchiaino di lievito per dolci
2 cucchiaini di cannella in polvere, in più
220 g di zucchero semolato

Scaldare il forno a 180°. Mescolare bene in una ciotola la farina e la cannella. Unire il burro, lo zucchero di canna, lo sciroppo d’acero, le uova, e le mele. Mecolare bene e incorporare tutti gli ingredienti, infine aggiunger il lievito. Distribuite l’impasto nelle formine a ciambella, imburrate. Infornare e cuocere per 20 minuti. Verificare la cottura con lo stecchino. Sformatele subito, ancora calde. Preparare lo zucchero alla cannella mescolando lo zucchero con la cannella.
Ricoprite le ciambelline con il composto e fare raffreddare.

Note:
-          non amo usare la farina auto lievitante, la trovo non molto salutare, prediligo il lievito bio, e quindi ho semplicemente aggiunto alla ricetta un po’ di lievito. Secondo me è ancor più buona.
-          la dose dell ‘impasto dovrebbe essere per 12 ciambelline mini, io sono riuscita a farne circa 7, con degli stampi più grandi, sempre piccini ma più capienti.
-          io non ho utilizzato tutto lo zucchero per la copertura, era esagerato per il numero di dolci, comunque non preoccupatevi, utilizzate il restante come zucchero aromatizzato. E’ buonissimo, per esempio per zuccherare il tè. 

14 commenti:

  1. Le foto mi piacciono da pazzi.. e la ricette di queste ciambelline me la segno subito! ;)
    Aspetto i brownies! :)

    RispondiElimina
  2. Eccoti :)

    Io queste ciambelline devo provarle da tantisismo tempo, ogni volta che sfoglio quel libro le guardo, ma poi non le faccio mai.. quindi preparati a vederle anche da me, prima o poi :)

    Mia cara queste foto mi piacciono tanto, mi piacciono queste ciambelline zuccherine, mele, cannella, sai che amo tutto questo.

    Ti auguro una splendida settimana, cara Marti. :*

    RispondiElimina
  3. Da paura...le foto vabbè, da rivista as usual, ma questa ricetta? Io non la conoscevo, e vorrei farla ora, ma non ho mele! Me tapina...

    RispondiElimina
  4. Le tue foto sono semplicemente stupende. E io stanotte mi sogno le tue ciambelline. Ti seguo da poco ma non sbagli un colpo!!Buona domenica!

    RispondiElimina
  5. > Che probabilmente è solo questione di tempo
    Esatto! Sei ancora così giovane che hai tutto il tempo per far quello che ti piace e per realizzare i tuoi sogni ;)
    Riguardo alla ricetta, secondo me puoi vedere mille declinazioni della stessa, ma non sarà mai uguale, perché ognuno di noi, attraverso i racconti, le foto, gli ingredienti utilizzati e le emozioni provate nel cucinare e nel mangiare, la rende diversa dalle altre! Queste ciambelle sono davvero magnifiche!
    E mi piacciono un sacco anche le foto! Vorrei fare anche io delle prove con il nero, ma non ho nessun pannello o stoffa di questo colore...solo una pietra nera che utilizzo a mo' di piatto, come ho fatto nel post dell'altro ieri...mmm mi sa che devo procurarmi qualcosa e provare anche io :P
    Un bacione e continua così! :D

    RispondiElimina
  6. Potrei stare ore a parlarti della negatività.. quella che mi ha fatta ammalare. Tu non lasciare che la pesantezza dei pensieri offuschi la luce e l'energia che hai dentro. Segui ogni cosa che ti fa stare bene, specialmente perchè 'la sai fare bene': devi essere orgogliosa di queste bellissime ciambelline, per nulla scontate. Le ricette, anche se simili, riescono sempre in modo differente.. proprio perchè fatte da persone differenti. Ha molto ragione in questo Elisa e condivido pienamente :) Coraggio, sai che anche a me le mele e la cannella placano l'animo? Sono la prima cosa che cerco d'autunno: un profumo davvero confortevole. Hai una vita intera per realizzare i tuoi sogni: apri gli occhi e inizia a sognare cara. Un abbraccio e complimenti per le ciambelline.

    RispondiElimina
  7. Io dico che nessuna ricetta e nessun post sarà mai uguale, tanto ormai inventarsi cose nuove è praticamente impossibile...l'importante è re-interpretarle al meglio e trasmettere emozioni!!!cosa che tu fai benissimo :)
    un bacione cara
    p.s.:bravissima con la gestione del nero...anche io sono in fase "foto buie"

    RispondiElimina
  8. Ciao Martina!Le tue foto sono sempre più belle!!!Conosco la sensazione fastidiosa di non potersi rivolgere totalmente a ciò che ci gratifica di più, se può consolarti anch'io aspetto il fine settimana perchè tutto insieme proprio non si può fare e anche se delle volte questo mi fa innervosire cerco di disinnescarmi per tempo pensando che il blog deve essere lo spazio in cui scendono in campo i momenti felici della mia giornata e non il senso del dovere. Questa ricetta è meravigliosa per cominciare la giornata e anche per chiuderla ;-) a presto Laura

    RispondiElimina
  9. Belle le ciambelle ...!! E anche il "black style".il tuo nero é sempre chiaro e luminoso e mai noir..... Un bell'effetto davvero! Ciao Marty, ciuffufui !

    RispondiElimina
  10. Eccomi, sono in super ritardo, scusatemi=)

    @Vale: Grazie mille, anche per la foto. Provale dai, non ne rimarrai delusa. e per i brownies sì, li vedrete presto!=)

    bacio

    @Ile: Ciao cara! Quanto sei carina, grazie. Le ciambelline, lo so, vedrai che prima o poi riuscirai a farle=) di questo abbiamo già parlato...per le foto, bene, vedo che alla fine sono piaciute, meno male!=)

    una abbraccio forte

    @Chiarina:Ma ciao! Che belle parole, non credo di meritarle, grazie infinite comunque. Se avrai l'occasione provale, non ne rimarrai delusa=)
    a presto

    @vasselinkata: Ciao! sì, sì, sono buonissime=)

    @sandra: Grazie mille, sono felice ti piaccia il blog, mi fa molto piacere=)
    ti aspetto ancora, =) a prestissimo

    RispondiElimina
  11. Eccomi#2

    @Elisa: Eli, le tue parole mi danno sempre una grande carica, mi aiuti sempre così tanto.. ti ringrazio. Per quanto riguarda il black style, non sono ancora del tutto convinta, ma se provi fammi sapere, così mi dici come ti sembra=) un bacio grande cara, ancora grazie per tutto!=9

    @Ely: per prima cosa, benvenuta. Secondo, le tue parole mi hanno colpito. perchè hai pienamente ragione, ho tutto il tempo per sognare e realizzare i miei obbiettivi, che non devo avere fretta. mi hanno fatto davvero pensare le tue frasi, è tutto vero, per questo ti ringrazio tanto, davvero. Grazie ancora di essere passata, ti aspetto ancora se vorrai!=)

    un bacio

    @Silvia: Mia cara, ciao! Grazie per tutto, poi , davvero ho saputo gestire bene la situa?! Oddio, mi fai emozionare, perchè mi fido di te e so che lo dici perchè lo pensi. Mi rende così felice=) cmq il tuo di total buio è perfetto, lo adoro, sei sempre impeccabile=)
    Un abbraccio e un bacio cara, a presto

    @Laura: Ciao cara, Grazie mille=) E' sempre bello trovare qualcuno che ti capisce e che condivide le tue emozioni, poi sei sempre carinissima, ah e sono felice ti piacciano le fotine=)
    Grazie ancora, per passare sempre=)
    Bacioni

    @Anastasia:te l'ho già detto vero che sei una maga con le parole, perchè sono sempre più belle, solo tu sai usarle così=) Un bacio cara mia, a presto!=)

    un grazie ancora a tutte=)

    RispondiElimina
  12. Ciao Martina, bellissime foto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katy!=) benvenuta, grazie mille, sei gentilissima e mi fa piacere se ti piacciono le foto, per me è molto importante=)

      a presto, ti aspetto ancora=)
      M.

      Elimina